La lettura dell’attuale morfologia del tempio esistente è motivo di attenzione per poter affrontare la tematica del nuovo progetto. L’edificio appare solitario, con un robusto involucro in calcestruzzo rigato, costante per tutto l’intervento. L’impianto centrale ricalca la solennità delle costruzioni legate al culto, e vede prevalere un volume di accesso principale a pianta quadrata. L’attenzione dedicata a questa struttura viene riposta soprattutto sulle soluzioni d’angolo.

I tamponamenti, che contengono le celle, si aprono in corrispondenza dei vertici per poter permettere l’ingresso della luce. L’illuminazione avviene oltre che per questo canale, attraverso un lucernario centrale posto in copertura, replicato anche ai lati di questo blocco, per illuminare il livello inferiore. Il tempio, che si svolge su un piano rialzato ed un piano interrato, è distribuito attraverso un doppio canale.

La scala centrale, interna all’edificio principale, ed una rampa esterna che corre su due lati al margine dell’intervento, per permettere l’accesso ai diversamente abili.

credits

architects: OPPS architettura, Francesco Mariani  |  client: Cimitero Monumentale di Pavia  |  status: Competition (2015)  |  competition: New temple Socrem  |  location: Pavía, Italy (45.184931, 9.174403)  |  climate: Humid subtropical, Temperate  |  materials: brick, concrete  |  environment: Urban  |  visualizer: Studio  |  scale: medium  |  types: religious, religious center  |  views: 3.777

same competition (+4)

OPPS architettura, Francesco Mariani | Elisa Scussolin, Luca Putzolu | Massimo Galeotti Architetto | Atelier QUAGLIOTTO | Gianluca Facchinelli, Giada Saviane