Il progetto nasce dall’idea di realizzare un oggetto materico, scultoreo che prenda forma e si modelli sul terreno scosceso che caratterizza l’area d’intervento. Lo sviluppo longitudinale del lotto orientato lungo l’asse nord-sud suggerisce una distribuzione spaziale dell’edificio in due fasce: la zona giorno, esposta ad ovest, costituita da soggiorno, pranzo e cucina e la zona notte, ad est, con due camere e doppi servizi. Nella parte centrale una «spina» di servizio sottolinea la divisione volumetrica e funzionale dell’edifico e funge da canale di distribuzione degli impianti per la climatizzazione e la raccolta delle acque piovane.

Gli ambienti sono caratterizzati da diverse altezze interne a seconda della loro funzione e sono posizionati a differenti quote per relazionarsi al meglio con la pendenza del terreno. L’edificio è costituito da un involucro autoportante in cemento armato che oltre a garantire una rigidità strutturale, enfatizza l’ aspetto scultoreo.

credits

architect: Wow Architettura  |  team: Maurizio Vellucci  |  collaborator: Andrea del Pelo  |  client: Isabella Seràgnoli  |  status: Competition (2014)  |  competition: Villa Belpoggio-Baciocchi  |  location: Bologna, Italy (44.469904, 11.361133)  |  climate: Humid subtropical, Temperate  |  material: concrete  |  environment: Urbanization  |  visualizer: Studio  |  budget: 200.000 €  |  scale: 80 m2 extrasmall  |  ratio: 2.500,00 €/m2  |  types: house, residential  |  views: 2.604

same competition (+2)

Wow Architettura | Locarc | Angelo Renna