La naturale depressione dell’area di intervento rispetto al contiguo piano di campagna, e la volontà di preservare la percezione di continuità paesaggistica, ha condotto il progetto ad assumere una configurazione planimetrica a duplice livello. Ad elevarsi dal piano stradale è infatti il solo centro civico che assume il ruolo di landmark, di polo di orientamento territoriale immerso in un contesto suburbano a bassa densità insediativa. L’edificio riesce, per tale motivo, a non conformarsi come “barriera visiva” dei livelli prospettici inquadrabili sulla direttrice di osservazione ovestest ed estovest, accompagnando alla permeabilità visuale la penetrabilità del flusso pedonale tra i corpi svettanti del centro civico.

La specificità funzionale dei due piani del complesso scolastico proposto, ricerca una netta distinzione d’utilizzo: il polo didattico ed il centro civico vivono di una autonomia che li svincola da qualsiasi reciproca subordinarietà d’uso. La corte interna – o giardino agricolo – rappresenta il nucleo centripeto dell’interno polo didattico: una pausa verde tra organiche superfici erbose piantumate con essenze arboree e arbustive, si propone come appendice spaziale all’attività pedagogica, accogliendo al suo interno piccole serre agricole destinate alle esercitazioni didattiche.

credits

architect: Wow Architettura  |  team: Maurizio Vellucci, Stefano Balzanetti, Alessandro Di Mario, Marta Spadaro  |  collaborator: Davide Pellegrini  |  client: Provincia di Rieti  |  status: Competition (2017)  |  clasification: 1 rang  |  location: Rieti, Italy (42.416055,12.8480371)  |  climate: Mediterranean, Temperate  |  materials: metal, glass  |  environment: Undefined  |  consultant: Angelo Forte  |  visualizer: Studio  |  budget: 4.000.000 €  |  scale: 3.200 m2 medium  |  ratio: 1.250,00 €/m2  |  types: education, school  |  views: 3.409